Da scaricare:


Scarica il catalogo 2016 de La Strega in formato .pdf


Listino prezzi 2015/2016


Scarica adesso il prontuario della Campagna per la tutela degli integratori alimentari

bioalimenti.jpg
Scarica il comodissimo mini-glossario sui Bioalimenti


« Pharmexpo di Napoli | Main | Vitamina D: un fattore cruciale per il sistema immunitario »


PrintVersione Stampabile




Invito a cena con Omega 6

Invito a cena con Omega 6

di Agnese Codignola
Fonte: L'Espresso, La Repubblica

Secondo l'American Heart Association, per mantenere cuore e cervello in salute, è necessaria l'introduzione nella nostra dieta anche di acidi grassi Omega 6

Omega 3 e, soprattutto, Omega 6. Questo bisogna aggiungere alla dieta di tutti i giorni per mantenere cuore, vasi e cervello in salute. Lo dice l'American Heart Association, che in un articolo pubblicato su 'Circulation' sollecita l'introduzione nella nostra dieta anche di acidi grassi Omega 6: una grande metanalisi ha mostrato che chi consuma abitualmente Omega 6 ha una diminuzione del rischio cardiovascolare del 24 per cento.

E le prove si accumulano: studi osservazionali indicano infatti che chi assume abitualmente Omega 6 ha in genere un rischio cardiovascolare più basso; altre indagini dimostrano che chi è colpito da infarto ha in media una concentrazione sanguigna di Omega 6 molto più bassa di quella di persone simili per età e condizioni ma che non hanno avuto un attacco cardiaco; studi controllati, nei quali viene assegnata una dieta ricca o povera di Omega 6, confermano l'efficacia protettiva.

Secondo i cardiologi, quindi, essi dovrebbero rappresentare tra il 5 e il 10 per cento delle calorie assunte ogni giorno, a seconda dell'età (sono fondamentali nella crescita), del sesso e anche del livello di attività fisica svolta. In natura gli Omega 6 si trovano in alcune piante erbose come la boragine, nel germe di grano, in molti semi quali quello di lino, negli oli vegetali come quello di cartamo, di girasole, di soia, di colza (il migliore per un buon equilibrio di 3 e 6) e di mais.

Inoltre vengono assunti dagli animali, e si ritrovano nel latte e nella carne di bovino adulto, di vitello, di tacchino, di pollo, di maiale e di agnello. Attenzione però: chi ha il colesterolo alto deve rinunciare all'origine bovina.

(08 maggio 2009)

Fonte: L'Espresso, La Repubblica

PrintVersione per la stampa