Da scaricare:


Scarica il catalogo 2018 de La Strega in formato .pdf


Listino prezzi


Scarica adesso il prontuario della Campagna per la tutela degli integratori alimentari

Informativa sulla Privacy

Informativa sui Cookies

bioalimenti.jpg
Scarica il comodissimo mini-glossario sui Bioalimenti


« Cookie law | Main | GI Natural, Supporto Naturale per la Salute del Tratto Digerente (NEW) »


PrintVersione Stampabile




Studio - Vitamina D nella medicina preventiva: stiamo ignorando le evidenze?

Br J Nutr. 2003 May;89(5):552-72.

Vitamin D in preventive medicine: are we ignoring the evidence?

Zittermann A1.

Vitamina D nella medicina preventiva: stiamo ignorando le evidenze?


[…] E’ oggi comunemente accettato il fatto che bassi livelli di vitamina D sono coinvolti nella patogenesi dell’osteoporosi. Inoltre l’insufficienza di vitamina D può portare a un disturbo funzionale dei muscoli.

I dati epidemiologici indicano stati di bassi livelli di vitamina D nella tubercolosi, nell’artrite remautoide, nella sclerosi multipla, nelle infiammazioni da intestino irritabile, ipertensione e in alcune specifiche forme di cancro.


Alcuni studi hanno dimostrato che l’integrazione della vitamina D o i suoi metaboliti sono in grado di: (i) ridurre la pressione sanguigna nei pazienti affetti da ipertensione; (ii) incrementare i livelli di glucosio nel sangue dei pazienti diabetici; (iii) migliorare i sintomi dell’artrite remautoide e della sclerosi multipla. Il dosaggio orale per raggiungere livelli adeguati di siero 25(OH)D [25-hydroxyvitamin D] sono probabilmente molto maggiori delle raccomandazioni attuali di 5/15 microgrammi al giorno.



Fonte: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12720576
PrintVersione per la stampa